Il Giallista

Interviste, recensioni e news dal mondo del giallo... e non solo. A cura di Marco Tiano




venerdì 10 febbraio 2012

Recensione: Venti corpi nella neve - Giuliano Pasini

Venti corpi nella neve è il romanzo di esordio dell'emiliano Giuliano Pasini, edito dal nuovo marchio TimeCrime della Fanucci editore.
Prendendo spunto dal proprio luogo di origine, Pasini ambienta la sua prima opera in un piccolo borgo dell’appennino tosco-emiliano, Case Rosse. Un tranquillo paesino tra le cime delle montagne dove gli unici casi che il piccolo commissariato deve fronteggiare sono quelli di qualche litigio tra ubriachi o qualche furtarello. Un borgo come quelli dei gialli classici inglesi, dove si pensa che il male non possa mai sferrare il suo attacco.
Ma a infrangere la tranquillità del posto, però, ci pensa il ritrovamentio di tre corpi. Si tratta dell'omicidio di una donna, un uomo e una bambina, uccisi a colpi di fucile.
I corpi sono distesi supini sulla neve, con i volti sfigurati dai proiettili che li hanno colpiti in viso.
Al rivenimento dei cadaveri, subito qualcosa sembra stonare. Non vi sono schizzi di sangue attorno ai corpi, e la loro posizione non corriponde a quella della traiettoria dei proiettili. Subito si evince che il delitto non è avvenuto li. I corpi sono stati spostati. Ma perchè?
Alla luce di questi fatti, e con i pochi indizi a disposizione, scoprire la verità sembra quasi impossibile. L'unico indizio tangibile, sembrano essere le fedi ritrovate su i due adulti. Fede con all'interno l'iscrizione dei loro nomi e della data di nozze. Da questo momento, partiranno le indagini del Commissario Roberto Serra. Un uomo tormentato nell'anima, pieno di problemi, che decide di abbandonare il caos di Roma trasferendosi nella quiete di Case Rosse, credendo di poter sfuggire ai suoi demoni e da ciò che è stato. Ma il passato non ci abbandona mai, e fa il suo ingresso senza alcun preavviso. In questo borgo, infatti, tra le cime degli appennini, Serra ritroverà anche la sua ex donna, nelle vesti di medico.
Punti forti di questo libro sono sicuramente l'espediente dell'autore di utilizzare una stile narrativo secco, deciso, senza fronzoli, e i capitoli brevi. Questo ne facilita la lettura, rendendola scorrevole. I personaggi sono descritti (anche quelli secondari) con pochi, ma decisi, tratti.
Inoltre, il romanzo è ben strutturato e il passato si alterna al presente con armonia, senza creare rallentamenti o confusione.

Titolo: Venti corpi nella neve
Autore: Giuliano Pasini
Casa editrice: Time Crime (Fanucci editore)
Pagine: 333
Anno: 2012

2 commenti:

  1. E' un libro spettacolare! Definirlo semplicemente "bello" o "interessante" sarebbe come sminuire la trama avvincente e la profondità delle tematiche presentate. Bravo Pasini! Non vedo l'ora di leggere il tuo prossimo lavoro...

    RispondiElimina