Il Giallista

Interviste, recensioni e news dal mondo del giallo... e non solo. A cura di Marco Tiano




martedì 10 gennaio 2012

TERRA DI UOMINI LIBERI di Liliana Lazar

Terra di uomini liberi è il primo romanzo dell'autrice romena Liliana Lazar, edito da Marco Tropea editore, collana I Narratori
Il libro si legge molto velocemente, grazie allo stile narrativo fluido e all'intreccio narrativo. Vi è però un rallentamento del ritmo nella seconda parte del libro, dove tutto si adegua per dare una spiegazione agli eventi. Nonostante ciò, la lettura è piacevole.
Per quanto riguarda la storia, la vicenda è intrigante ed ha il sapore di una antica favola. Sulla sfondo troviamo una natura selvaggia, una natura dominata da antiche civilta e dalle loro superstizioni. Terra di uomini liberi è anche un miscuglio di generi, dove la storia si mescola alla leggenda, e il dramma ne fa da padrone. Questo libro offre anche numerose chiavi di lettura. Il tutto ruota attorno alla figura di Victor Luca, un uomo che, da vittima, diventa carnefice; seppur il suo fine è il bene.
Siamo di fronte ad un libro affascinate, in cui l'autrice ci dimostra la sua bravura di narratrice e la sua sensibilità verso il paese dove è nata e cresciuta.
Una lettura che vi consigliamo!

Il libro:
Nel profondo della foresta moldava, vicino al villaggio di Slobozia, c'è un lago chiamato la Fossa dei Leoni. La Storia tramanda che nel passato lì si svolse una terribile battaglia, e in quelle acque furono annegati i soldati turchi in fuga dall'esercito di Stefano il Grande. Molti giurano che di notte le loro anime tormentate risalgono in superficie. Allora, nessuno osa avvicinarsi. Victor, però, è diverso. Lui è convinto che il lago lo protegga. Da bambino, su quelle rive, giocava per ore e ore in solitudine: gli pareva di non avere paura di niente, in quei momenti, e di poter fuggire dall'incubo di un padre alcolizzato e violento. Fino a che un giorno la Fossa dei Leoni non gli ha dato la possibilità di farla finita una volta per tutte con l'uomo che lo terrorizzava, suggerendogli come ucciderlo. Mentre un altro padre-tiranno, Ceausescu, domina la Romania, Victor diventerà uomo rimanendo ai margini dell'antica civiltà rurale degli "uomini liberi", subendo il loro odio e la loro superstizione, e trasformandosi a sua volta in carnefice.

Terra di uomini liberi
Autore Lazar Liliana
Prezzo € 14,50
Anno: 2011, 174 p., brossura
Traduttore Fornasiero S.
Editore Tropea (collana I narratori)

Nessun commento:

Posta un commento