Il Giallista

Interviste, recensioni e news dal mondo del giallo... e non solo. A cura di Marco Tiano





mercoledì 23 gennaio 2013

News: BIBLIOTECARIO DI NEW YORK di Nathan Larson - Fanucci Editore

Cari lettori,
vi presentiamo IL BIBLIOTECARIO DI NEW YORK, il thriller d'esordio di Nathan Larson, edito da Fanucci editore.

BIBLIOTECARIO DI NEW YORK
Natha Larson
Traduzione di Federico Lopiparo
Pagine 288
12.90 euro
Fanucci - Collana Chrono
In libreria dal 29 novembre 2012

IL LIBRO:
Il bibliotecario di New York strizza l’occhio a tutta la produzione letteraria che va dalle distopie di Philip K. Dick ai romanzi polizieschi ambientati ad Harlem di Chester Himes. Dopo un’epidemia, un grave attacco terroristico e il crollo di Wall Street, New York è in ginocchio. Mentre la città tenta faticosamente di risollevarsi, fa la sua comparsa un misterioso veterano senza nome e senza memoria, Dewey Decimal, che decide di vivere nella biblioteca pubblica sulla Quarantaduesima. Dopo aver scelto l’edificio come sua dimora, si è assunto l’incarico di archiviare l’intera collezione bibliografica, sprofondata nel caos in seguito al collasso della rete informatica. Un grande amore per la letteratura e una certa ossessività maniaco-compulsiva fanno sì che il più forte desiderio dell’uomo sia poter riorganizzare il magazzino della biblioteca. Il suo impegno nella catalogazione dei libri viene occasionalmente turbato da un procuratore corrotto, Rosenblatt, che lo contatta ogniqualvolta abbia del lavoro sporco da sbrigare. Ora la sua missione è uccidere Yakiv Shapsko, il leader della comunità ucraina a New York, ma Dewey verrà presto risucchiato in una spirale di crimini, tradimenti e antiche vendette che lo costringeranno ad affrontare il buco nero del suo passato e a fare i conti con la sua vera identità.

L'AUTORE:
Nathan Larson, nato nel Maryland nel 1970, è un eclettico: scrittore, compositore, musicista e produttore, è noto sopratutto per le sue pluripremiate colonne sonore. Attualmente vive con la moglie a New York e di tanto in tanto non disdegna rifugiarsi in Svezia. Il bibliotecario di New York è il suo romanzo d’esordio.

Nessun commento:

Posta un commento