Il Giallista

Interviste, recensioni e news dal mondo del giallo... e non solo. A cura di Marco Tiano





martedì 8 novembre 2016

Recensione: LA RAGAZZA PERFETTA di Gilly MacMillan - Newton Compton


Può il passato essere sepolto, definitivamente? Si può cambiare vita, avere una seconda possibilità, una nuova famiglia? Questo è quello che spera Zoe, in LA RAGAZZA PERFETTA di Gilly MacMillan (Newton Compton), dopo aver causato la morte di tre suoi coetanei, adolescenti. Certo, ormai ha scontato la sua pena, e potrebbe buttarsi tutto alle spalle. Ma un'accusa di omicidio colposo, non è facile da nascondere. Puoi cambiare nome, città, famiglia, ma quell'ombra è lì, che ti segue; ovunque vai. Zoe era innocente, non ricorda esattamente quello che è successo, qualcuno deve aver drogato il suo drink, lei l'ha ripetuto centinaia di volte, eppure per la giustizia la versione dei fatti realmente accaduti era diversa.
Oggi, nel 2014, Zoe è una ragazza libera. Insieme alla madre Maria, hanno cambiato nome e città. Sua madre si è risposata, e le ha dato una nuova famiglia: la famiglia della seconda occasione, come le ripete sempre. In questa nuova vita, devono comportarsi in modo decoroso, non attirare l'attenzione, non creare problemi o polemiche. Il nuovo marito della madre è un uomo di successo, quindi adesso abitano in una grande casa, e nel benessere economico.
Tutto sembra andare bene, eppure, sotto la superficie di apparente perfezione, si nascondono dinamiche diverse. Chris, il marito di Maria, è un uomo che rincorre la perfezione, in casa, al lavoro e in famiglia. All'apparenza, è gentile, cordiale, premuroso, eppure nessuno deve contraddirlo. Maria lo ha capito bene, e pur di mantenere questa sorta di nuova famiglia perfetta, acconsente a tutte le richieste del marito ma, soprattutto, gli tiene nascosta la verità su Zoe. Lui e suo figlio Lucas - che abita con loro, coetaneo di Zoe - non sanno cosa hanno passato. Eppure, la verità non può essere nascosta in eterno. Puoi scappare dall'altra parte del mondo, ma ci sarà sempre un particolare che riporterà a galla il passato, e questo è ciò che succede una domenica sera di agosto, durante un concerto al pianoforte, nel quale si esibiscono Zoe e Lucas. I due, infatti, sono dei ragazzi prodigio. Suonano dalla tenera età, e Zoe è un talento naturale. La musica l'ha aiutata a superare i momenti difficili, a dare un senso alla vita. L'organizzazione, lo studio, il metodo, la concentrazione, sono stati la sua terapia.
Eppure, dopo tanti sforzi, succede qualcosa che fa crollare tutto. Durante il concerto, infatti, il padre di una delle vittime assiste all'esibizione e, appena riconosce Zoe, succede il delirio. L'uomo inizia a urlarle contro, e in poche ore, la verità esplode con tutta la sua violenza. La nuova vita perfetta di Zoe e Maria viene investita da un tornado. Le nuove fragili fondamenta si sgretolano, e Chris viene a conoscenza di tutta la verità. Inoltre, l'uomo del concerto, adesso sa dove abitano, come si fanno chiamare, e vuole giustizia. Giustizia per la propria figlia. Sì, Zoe ha pagato, ma qualche anno di carcere per lui non è sufficiente. lei è tornata alla libertà, insegue le sue passioni, ha una nuova vita, una seconda possibilità, e sua figlia no.
Si sa, le verità nascoste che vengono a galla hanno delle conseguenze, infatti, poche ore dopo, Maria viene trovata morta.
Incidente o omicidio?
Cosa è successo in quella casa di notte?
Zoe stava dormendo, con le cuffie nelle orecchie, accanto alla sua piccola sorellina, nata dal nuovo matrimonio. Alla morte della madre, Zoe va in confusione. La sua mente inizia vacillare, le paure tornano a galla, e rivive gli anni che aveva cercato di lasciarsi alle spalle.
Maria era la persona che amava di più. Le era stata sempre accanto, e aveva lottato per darle una nuova vita, una seconda famiglia perfetta. Si era sacrificata per lei, e adesso non c'era più. Doveva scoprire la verità, a tutti i costi.
Introversa, intelligente, fuori dal coro, Zoe è una ragazza fragile e insicura. Un'adolescente che non ha avuto il tempo di crescere. Non sa come comportarsi con gli altri, e la morte della madre la fa sentire spaesata. Però deve combattere per lei, sapere cosa le è successo, e fare giustizia; come non è accaduto con lei.
Scritto in modo egregio, con una solida struttura narrativa, LA RAGAZZA PERFETTA è un domestic thriller psicologico, che scandaglia la mente di una giovane donna dal passato difficile. Una lettura interessante, originale, che mescola suspense e colpi scena. Come quello finale, che soddisferà sicuramente il lettore amante delle sorprese.
Coinvolgente l'espediente dell'autrice di raccontare la storia usando le voci di tutti i personaggi, mostrando al lettore tutti i punti di vista, creando un quadro generale degli eventi, che cambia in base alle conclusioni, ai sentimenti e alle emozioni dei protagonisti.
Consigliato!

LA RAGAZZA PERFETTA
Gilly MacMillan
Pag.: 384
Prezzo: €9,90
Editore: Newton Compton Editori
Uscita: 6 Ottobre 2016

L'AUTRICE:
Gilly MacMillan è cresciuta a Swindon, ha vissuto l’adolescenza nel Nord della California. Ha studiato Storia dell’arte alla Bristol University e poi al Courtauld Institute of Art di Londra. Ha lavorato al «Burlington Magazine» e alla Hayward Gallery prima di mettere su famiglia. Da allora vive a Bristol con il marito e i loro tre figli. Il suo romanzo d’esordio, 9 giorni, è stato un successo internazionale tradotto in 14 lingue. Per maggiori informazioni, visitate la sua pagina twitter.

Nessun commento:

Posta un commento