Il Giallista

Interviste, recensioni e news dal mondo del giallo... e non solo. A cura di Marco Tiano





giovedì 22 maggio 2014

Recensione: UN PASSO DI TROPPO di Lee Child - Longanesi editore


Un passo di troppoL'evidenza non si può negare! Lee Child è come un abile prestigiatore: nei suoi libri cattura subito l'attenzione del lettore, e ne fa ciò che vuole.
Questo accade anche in UN PASSO DI TROPPO, con protagonista il mitico Jack Reacher, edito da Longanesi.
Ancora una volta, ritroviamo un Reacher in piena forma, e irresistibile come sempre.
Reacher è talmente carismatico, che saremmo dalla sua parte anche se fosse il cattivo.
Solitario, acuto, preparato, e dotato di uno spiccato senso dell'onore, il lettore non può fare a meno di seguirlo in ogni mossa e pensiero.
Questa volta Jack dovrà affrontare un caso di rapimento. La moglie e la figliastra di appena otto anni di Edward Lane, infatti, sono state rapite nel centro di New York. Il caso appare subito interessante agli occhi di Reacher, che decide di accettare l'incarico. Qualcosa gli suggerisce che nulla è come sembra, e il suo intuito non sbaglia mai.
Lane è un mercenario, il capo di un'agenzia di contractors, formata da ex agenti militari. Reacher non nutre alcuna simpatia per lui, ma il suo senso di giustizia gli impone di non potersi tirare indietro. Due persone sono state rapite, la prima richiesta di riscatto è già stata pagata, e nessuno è ancora tornato indietro. Reacher sa benissimo che i rapimenti rararmente si chiudono con un lieto fine, ma deve tentare. Forse madre e figlia sono già state uccise.
Man mano che le indagini andranno avanti, Jack si accorgerà che nella vicenda ci sono più segreti e bugie di quanto si aspettasse. Un rapimento non avviene mai per caso, o solo per soldi; dietro deve esserci un altro motivo. Lane si è creato molti nemici, nell'arco degli anni, e uno di questi potrebbe essere tornato dal passato per riscuotere il conto.
Le possibilità sono molte, e il tempo troppo poco. Più ore passano, più la possibilità di trovare gli ostaggi vivi svanisce, sfumando letteramente, e senza alcun controllo, tra le mani.
Utilizzando uno stile narrativo scorrevole, e senza eccedere nelle descrizioni, Child ci regala un quadro eccellente di New York. Possiamo sentirne gli odori che vi aleggiano, percepirne i rumori che la contraddistinguono. Lo stesso accade per Londra e la sua periferia.
Come una corsa contro il tempo, le indagini porteranno Reacher a scoprire una verità che ribalterà completamente l'intera situazione, regalando un finale sorprendente e accattivante.
Ben strutturato e appassionante, questo thriller è davvero irresistibile, e non si può fare a meno di non leggerlo tutto d'un fiato.
Una lettura vivamente consigliata!

UN PASSO DI TROPPOLEE CHILD
» La Gaja Scienza / I Maestri del Thriller «
350 pagine
16.40 €
Longanesi editore

L'AUTORE:
Lee Child è nato a Coventry, in Inghilterra, nel 1954 e vive negli Stati Uniti dal 1998. Dopo aver lavorato per vent’anni come autore di programmi televisivi, nel 1997 ha deciso di dedicarsi alla narrativa: il suo primo libro Zona pericolosa è stato salutato da un notevole successo di pubblico e critica, e lo stesso è accaduto per gli altri romanzi d’azione incentrati sulla figura di Jack Reacher, l’eroe solitario duro ma giusto, tutti pubblicati in Italia da Longanesi. L’ultimo romanzo di Child è I dodici segni (2011).

Nessun commento:

Posta un commento