Il Giallista

Interviste, recensioni e news dal mondo del giallo... e non solo. A cura di Marco Tiano




sabato 21 giugno 2014

Recensione: L'ASSASSINIO DI PITAGORA di Marcos Chicot - Salani editore


Intrattenere, e appassionare, per oltre settecento pagine non è un'impresa facile, ma Marcos Chicos con il suo primo libro L'ASSASSINIO DI PITAGORA, edito in Italia da Salani, c'è riuscito egregiamente. Ha superato la prova a pieni voti!
Chicot ha messo in piedi un thriller storico avvincente, dove i punti di forza sono: la perfetta ricostruzione dell'ambientazione storica - ben documentata - la giusta dose di avventura e una trama intrigante.
Come si intuisce dal titolo, personaggio centrale del romanzo è il grande Pitagora, la sua filosofia e il famoso teorema, che porta il suo nome. Ambientato nel 510 a. C., nella sua confraternita, Pitagora è ormai anziano e deve nominare un suo successore. Sicuramente, la posizione è molto ambita, e qualcuno è disposto a tutto, pur di ricoprirla. Da questo momento, infatti, numerosi omicidi sconvolgeranno la comunità di Crotone - città dove Pitagora ha fondato la sua scuola. Alcuni successori, e persone a lui molto care e vicine, iniziano a morire in circostanze misteriose. Dietro queste morti sospette sembra esserci la figura di un uomo misterioso, incappucciato, che porta sempre una maschera scura, che gli nasconde il volto. Ma non sono solo gli omicidi a sconvolgere la comunità di Crotone, e a preoccupare Pitagora. L'uomo misterioso, infatti, è dotato di una mente potetente, capace di elevarsi a livelli impensabili, e renderà note importanti scoperte dal punto di vista matematico, che metteranno a dura prova Pitagora e lo studio di un'intera vita. Il grande filosofo si ritroverà così a riflettere sulla sua scuola, a mettere in dubbio le scoperte fatte fino ad adesso. Sentirà le sue certezze vacillare.
A far luce sulla serie di omicidi, Pitagora chiamerà a Crotone il suo amico Akenon, un egiziano conosciuto molti anni prima, quando era ancora un ragazzino. Akenon è un investigatore, che ha servito persone molto importanti e influenti. Giunto a Crotone, Akenon incontrerà Arianna - figlia minore di Pitagora - che lo affinacherà nelle indagini, ammaliandolo con il suo fascino.
Dotato di uno stile narrativo fluido, e ben strutturato, L'ASSASSINIO DI PITAGORA è un mix appassionate, dove gli ingredienti principali sono dosati sapientemente. I delitti, infatti, si mescolano ad avventura, azione sul campo, intrighi politici, combattimenti, passione e storie d'amore.
Chicot riesce a manterene salda l'attenzione del lettore sulla storia fino alla fine. Non stanca con lunghe descrizioni, o complicate spiegazioni matematiche, ma allieta il lettore con piacevoli diversivi, travolgendolo fino a un finale soprendente, dove la scoperta dell'identità dell'uomo misterioso e la verità sui delitti, soddisferà anche i palati più esigenti.
Per concludere, siamo di fronte a un thriller avvincente, ben scritto, che vi consigliamo vivamente per questa estate, dove fantasia e realtà si mescolano, rivelando che il male - come nella migliore tradizione dei gialli classici - si nasconde anche nei luoghi più impensabili.
Buona lettura!

L'ASSASSINIO DI PITAGORAMARCOS CHICOT
Salani editore
Pagine: 720
Prezzo: € 18,60

L'AUTORE:
Marcos Chicot, nato a Madrid nel 1971, sposato, con due figli, è laureato in Psicologia Clinica e in Economia e Psicologia del Lavoro e ha lavorato come manager in varie aziende. È stato finalista in vari premi letterari, tra cui il prestigioso Planeta. L’assassinio di Pitagora è stato il romanzo in e-book più venduto in Spagna nel 2013, prima di essere tradotto in oltre dieci paesi.

2 commenti:

  1. Noioso, morboso, lungo almeno il doppio del necessario e in piu' si capisce da subito chi e' il personaggio misterioso. Non ci si spiega il motivo di tanto successo.

    RispondiElimina
  2. Hai ragione, anch'io l'ho trovato noioso al punto che l'ho lasciato a metà...

    RispondiElimina