Il Giallista

Interviste, recensioni e news dal mondo del giallo... e non solo. A cura di Marco Tiano





martedì 4 ottobre 2016

Recensione: IL GIOCO DEL MALE di Angela Marsons - Newton Compton Editori


Il male è ovunque, ma quando si annida nelle persone che dovrebbero combatterlo e aiutare gli altri, l'epilogo può essere fatale.
Questo è quello che succede in IL GIOCO DEL MALE, un thriller di una delle nuove regine del giallo Angela Marsons, edito da Newton Compton editori.
Il gioco del male è un thriller psicologico, un poliziesco e un thriller d'azione. Un mix che conquista!
Con questo secondo romanzo, la Marsons si afferma come una delle voci thriller del panorama internazionale più promettenti. Come in "Urla nel silenzio", ritroviamo la detective Kim Stone. Una giovane donna con un passato difficile, e un'infanzia traumatica. Kim non parla con nessuno del suo passato, di ciò che ha lasciato un segno che non l'abbandonerà mai. Ostinata, noncurante delle più semplici regole di socializzazione, schiva, e a volte brusca, Kim è una detective che si distingue dalla massa. Ha occhio per i particolari, è astuta, e non si lascia influenzare dalle emozioni. Come chiunque, porta una maschera, ma la sua le serve per sopravvivere. Deve dimenticare il passato, non può permettere ai ricordi e alla emozioni di sopraffarla, altrimenti la annienterebbero. Eppure, è quello che sta per succedere. E tutto ha inizio con il ritrovamento del cadavere di uno stupratore.
All'inizio, il caso sembra semplice, solo una vendetta per mano della sua vittima, ma, invece, questo omicidio sarà solo il primo di una lunga serie. Il particolare che rende le indagini complicate è che gli assassini e le vittime non sembrano avere nulla in comune. Gli omicidi, infatti, non sono commessi dalla stessa mano, e i colpevoli sono subito identificati. Eppure, Kim si accorge che un denominato comune c'è. Qualcosa che lega i casi tra di loro. Seppur le mani che si sporcano di sangue sono differenti, la mente dietro quei delitti è una sola. Una mente sociopatica, che non prova emozioni, fredda, priva di qualsiasi forma di empatia. Una mente senza scrupoli, che sa cosa è giusto o sbagliato, ma non si crea problemi a fregarsene. Ha un obiettivo, e non si fermerà fino a quando non lo avrà raggiunto. Questa mente spietata e senza scrupoli, è molto furba e scaltra, e quando si scontrerà con quella di Kim Stone, l'impatto sarà epico. Un impatto che potrà concludersi solo con la sconfitta e distruzione di una delle due.
Lo scontro sarà una lotta contro il tempo, uno scontro psicologico, perché è su questo piano che il sociopatico gioca. Il suo terreno di gioco è la mente, la manipolazione. Kim è forte, ma il passato è il suo tallone di Achille. Un passato che ha dovuto seppellire, per salvarsi. Se dovesse tornare a galla, i ricordi, i sensi di colpa, la annienterebbero.
Angela Marsons ha dato vita a due personaggi magistrali, dotati di una spiccata personalità. Due menti brillanti che si scontrano senza pietà, perché ognuno delle due vuole qualcosa, e per Kim quel qualcosa è fermare la sua scia di sangue.
Il ritratto psicologico dei protagonisti è eccellente, la trama è molto ben congegnata, e la storia per nulla banale. Buono anche il finale, che regala un piacevole colpo di scena, che strizza l'occhio ai gialli classici.
La Marson è una scrittrice eccellente, e ci si aspetta di leggere presto un nuovo caso con il mitico detective Kim Stone.  

IL GIOCO DEL MALE
Angela Marsons
Editore: Newton Compton Editori
Pag.: 384
Prezzo: € 9,90
Uscita: 01 Settembre 2016

L'AUTRICE:
Ha debuttato nel thriller con Urla nel silenzio arrivando a vendere un milione e mezzo di copie nel mondo. In Italia è arrivato ai primi posti delle classifiche. Urla nel silenzio è il primo, fortunato capitolo della serie che vede protagonista la detective Kim Stone, che prosegue con Il gioco del male. Angela vive nella Black Country, in Inghilterra, la stessa regione in cui sono ambientati i suoi thriller. Per maggiori informazioni, visitate il suo sito: www.angelamarsons-books.com.

Nessun commento:

Posta un commento