Il Giallista

Interviste, recensioni e news dal mondo del giallo... e non solo. A cura di Marco Tiano





martedì 27 settembre 2016

Recensione: LA RAGAZZA SENZA RICORDI di C.L. Taylor - Longanesi


Ci sono libri che piacciono, e poi ci sono libri che piacciono in modo particolare; e questo è il caso di LA RAGAZZA SENZA RICORDI, il secondo romanzo di C.L Taylor, edito da Longanesi.
Una lettura che lascia un segno, che non si dimentica. La ragazza senza ricordi è un thriller molto ben strutturato, ma che soprattutto appassiona, da subito. Una volta iniziata la lettura, è quasi impossibile staccarsi dalle pagine. La storia inchioda il lettore, lo coinvolge nelle vicende dei protagonisti, e la voglia di conoscere il passato, ciò che è accaduto, diventa quasi una dipendenza.
A rendere la lettura ancora più appassionante, è l'espediente utilizzato dall'autrice di raccontare la vicenda intervallando presente e passato. Nel presente, troviamo Jane Hughes, che ha una solida relazione e lavora in un centro per animali. Jane è una ragazza solitaria, tranquilla, che si occupa degli affari suoi. Nel passato, invece, c'è un gruppo di amiche che parte per il Nepal. Il viaggio si preannuncia come un'esperienza unica, indimenticabile, di quelle che lasciano il segno; e di segni ne lascerà, e non solo.
Naturalmente, presente e passato sono legati da un filo conduttore, che è rappresentato proprio da Jane Hughes, una delle quattro ragazze partite per il Nepal. Jane Hughes non è neppure il suo nome, dal ritorno dal viaggio lo ha cambiato, perché da allora tutta la sua vita è cambiata. In Nepal è accaduto l'inimmaginabile. Da allora, lei cerca di tenere il passato sepolto, di rifarsi una vita, nascondendo a tutti la sua vera identità, ma si sa, il passato non si può cancellare, e prima o poi viene a cercarti, e a farti pagare il conto.
Quella che cinque anni prima era iniziata come una vacanza all'insegna del relax, dello Yoga, della spiritualità, si è presto trasformata in un incubo. Un incubo che condiziona ancora la vita di Jane.
Da quel viaggio, sono partite in quattro, ma sono ritornate in due. Cosa è accaduto alle altre? Perché Jane vuole dimenticare? Cosa ha da nascondere, qual è il suo ruolo nella sparizione delle altre due sue amiche?
Sono queste le domande che il lettore continua a porsi fino alla fine.
Arrivate in Nepal, in questo isolato rifugio in cima alla montagna, Jane capisce subito che qualcosa non va. Non è il posto idilliaco che sembra, dietro si nasconde il marcio.
Dopo cinque anni, Jane lotta ancora per dimenticare, ma qualcuno la ricontatta, e le dice di conoscere il suo segreto. Da quel momento, la vita di Jane ripiomberà nell'insicurezza, nella disperazione di quei giorni, nella paura. Inizierà a guardarsi le spalle, a dubitare e sospettare di tutti. Può essere, che una delle due ragazze rimaste sia tornata per tormentarla? Per farle pagare le sue colpe?
Le è costata molta fatica ricominciare, e adesso tutto il suo nuovo mondo potrebbe crollare.
La ragazza senza ricordi è una lettura ricca di suspense, intensa e inquietante. I personaggi sono descritti in modo egregio; sembra quasi di conoscerli. Le quattro protagoniste sono semplici ragazze che ognuno di noi potrebbe avere come amiche. Per quanto riguarda la storia, la struttura narrativa è molto solida, e non mancano un paio di buoni colpi di scena, che allietano anche i palati più esigenti.
In conclusione, questo secondo romanzo di Taylor è un thriller dal ritmo narrativo incalzante, una lettura che, una volta iniziata, non si vede l'ora di finire, ma come tutte le cose belle, quando si sta per arrivare alla fine, si vorrebbe rallentare, per farla durare di più.
In una parola: consigliatissimo!

LA RAGAZZA SENZA RICORDI
C.L. Taylor
ISBN9788830437890
Collana:LA GAJA SCIENZA
Casa Editrice: LONGANESI
Pag.: 352
Prezzo: €18,60
Uscita: 8 Luglio 2016



L'AUTRICE:
C.L Taylor, nata a Worcester, dopo la laurea in Psicologia presso l’Università della Northumbria, Newcastle, si è trasferita a Londra per lavorare nell’editoria medica. In seguito ha vissuto a Brighton, dove ha lavorato come graphic designer e web developer. Attualmente vive a Bristol con il compagno e il figlio, dividendosi tra la scrittura e il lavoro presso l’università londinese. Nel 2014 ha pubblicato il suo primo romanzo, Il confine del silenzio.

Nessun commento:

Posta un commento