Il Giallista

Interviste, recensioni e news dal mondo del giallo... e non solo. A cura di Marco Tiano




martedì 19 maggio 2015

Recensione: TUTTO CIÒ CHE RESTA di T.R. Richmond - Longanesi


Se cercate un mystery particolare, lontano dagli schemi, un 2.0, allora TUTTO CIÒ CHE RESTA di T.R. Richmond (edito da Longanesi) è ciò che fa per voi.
Il romanzo, infatti, è strutturato come fosse un dossier, il contenuto di un'indagine giornalistica. Non c'è un narratore fisso, i fatti sono esposti al lettore sotto forma di lettere, ritagli di giornali, ma, essendo nell'era digitale, la maggior parte del materiale è dato da post sui social, blog, forum, sms, chat.
Lo stile narrativo, e la scelta dell'esposizione dei fatti, lascia intuire la professione dell'autore. Richmond, infatti, è lo pseudonimo di un affermato giornalista inglese, e leggere questo romanzo è come aprire la carpetta di un giornalista investigativo.
I personaggi principali sono Jeremy Cooke - un professore di antropologia prossimo alla pensione - e Alice Salmon, una ragazza che frequenta il suo corso.
La vicenda è incentrata sulla morte misteriosa di Alice, che oscilla tra il suicidio e l'omicidio. Gli investigatori che seguono il caso, infatti, non hanno prove certe di come la ragazza sia morta. A mettere luce sul caso, però, ci pensa Cooke, che inizia a investigare sulla vita della giovane, e decide di scriverne un libro. Fa ricerce in rete, raccoglie meticolosamente tutto il materiale che la riguarda. Esamina i suoi profili sui social media, legge i post del suo blog, quelli delle sue amiche e amici. Ne legge i commenti, segue i forum che trattano la vicenda, legge tutti i giornali che parlano del caso, interroga gli amici, i famigliari. La ricerca della verità, per lui diventa quasi un'ossessione. Deve scoprire cosa sia realmente successo ad Alice; anche perché la storia lo riguarda in prima persona. Alice è legata a una persona a lui molto cara, una persona che fa parte del suo passato. Incurante del parere della gente e della polizia, Cooke continua inperterrito la sua indagine.
Tutta la città parla della morte di Alice. Si tratta di una piccola cittadina, e tutti sembrano sapere tutto di tutti, ma, come spesso accade, la verità è sepolta sotto macerie di bugie.
Cooke, però, non si lascerà influenzare dalle apparenze.
Come accade solitamente in un giallo, e nei casi di omicidio, più di una persona possiede un movente per il delitto. C'è il fidanzato fidigrafo, l'ex, la migliore amica, e l'opzione più terrificante per la famiglia: il suicidio.
Alice è una ragazza come tante: ha studiato al college, sta seguendo il suo sogno di diventare una giornalista famosa, ha un fidanzato, un ex che a volte ritorna, una famiglia con i suoi problemi e delle amiche. Alice ha anche le sue difficoltà da superare, come il vizio di bere, e una sensazione di agitazione e insoddisfazione che la tormenta. Una sensazione che lei chiama QUELLO. L'alcol lo allontana, ma lei deve imparare a conviverci.
Basandosi solo su testimonianze, colloqui e notizie in rete, Cooke giungerà finalmente alla verità sulla morte di Alice, una verità sconvolgente, ma che, nonostante l'era 2.0, ha uno dei moventi più classici, perchè la vita è come una ruota, e gli eventi si ripetono. Possono cambiere le epoche, gli scenari, ma gli esseri umani sono spinti sempre dalle stesse motivazioni.
Concludendo, "Tutto ciò che resta" è una lettura appassionante, che scorre bene, senza descrizioni pedanti. L'espediente narrativo utilizzato dall'autore non incide affatto sul ritmo narrativo, che è costante. Un mystery che consigliamo a chi ama le letture innovative, ma che non rinuncia al colpo di scena finale.

TUTTO CIÒ CHE RESTA
T. R. Richmond

Pagine: 400
Prezzo: 16.40 €
Genere: Mystery, Thriller
Traduttore: Mirko Zilahi de Gyurgyokai
Editore: Longanesi
Uscita: 23 aprile 2015

L'AUTORE:
T. R. Richmond è lo pseudonimo scelto da un affermato giornalista che si è occupato di cultura sul The Daily Telegraph, The Independent, Time out, The Daily Express e The Bookseller. Dopo aver vissuto a Londra, Newcastle e Cardiff ora vive nel Surrey con sua moglie.

Nessun commento:

Posta un commento