Il Giallista

Interviste, recensioni e news dal mondo del giallo... e non solo. A cura di Marco Tiano




sabato 22 marzo 2014

Recensione: IL NASCONDIGLIO DELLA FARFALLA di Ippolita Avalli - Mondadori


Ottimo stile narrativo, descrizioni dettagliate - ma mai troppo prolisse - e solida struttura, sono gli ingredienti principali de IL NASCONDIGLIO DELLA FARFALLA, della scrittrice Ippolita Avalli, edito da Mondadori.
Con questo romanzo, la Avalli esordisce nel genere thriller, dopo aver pubblicato numerosi romanzi per i maggiori editori in tutta Europa.
Appena si inizia la lettura, ci si accorge subito della padronanza del mestiere di narratore dell'autrice, che ammalia il lettore, coninvolgendolo con destrezza nelle vite dei personaggi.
"Il nascondiglio della farfalla" è un thriller elegante, che strizza l'occhio al giallo classico, toccando importanti temi di attualità.
Punto di forza sono i personaggi - soprattutto donne - che l'autrice descrive egregiamente; mostrando debolezze, punti di forza, sensibilità.
La protagonista è Sandra Kapsa, psicoterapeuta quarantenne single, che presta consulenza gratuita presso il Centro Antiviolenza Donna di Roma, e sarà proprio qui che incontrerà Betty, una ragazza fragile, sola, vittima di stolker. Senza alcun preavviso, Betty non si presenta più agli appuntamenti, e questo preoccupa Sandra, che inizia a indagare sulla sua improvvisa scomparsa.
Ma Sandra non è un parente, o convivente della donna, quindi non può denunciarne la scomparsa alle autorità competenti, trovandosi a scovare la cruda verità contando solo sulle sue forze.
Le indagini la porteranno in un luogo del suo passato, facendo riaffiorare vecchi ricordi, sapori e angosce. La verità sulla sorte di Betty è collegata a persone e luoghi che un tempo frequentava. Come nel più classico dei gialli, Sandra giungerà alla fine della sua corsa investigativa, ponendo molte domande - soprattutto scomode - scavando la terra per dissotterrare vecchi segreti di famiglia.
Sandra è insicura ma eroica, fragile ma forte, decisa a non farsi fermare da nessuno.
Con uno stile narrativo chiaro, poetico, dettagliato, ma senza fronzoli, Ippolita Avalli ha dato vita ad un thriller coinvolgente, dal ritmo crescente, che conquisterà e sorprenderà il lettore con un finale a effetto, dai risvolti inquietanti.
Sicuramente, Sandra Kapsa ha tutte le carte in regola per diventare la protagonista di una serie di thriller, che ci auguriamo l'autrice scriverà presto.
Un'ottima lettura, che consigliamo vivamente!

Ippolita AvalliIL NASCONDIGLIO DELLA FARFALLA
COLLANA Omnibus Italiani
PAGINE 250
PREZZO 16,00 euro
Mondadori
In libreria da Febbraio 2014

Una ragazza scomparsa, il passato che ritorna, un serial killer da fermare. La prima indagine della dottoressa Sandra Kapsa.

IL LIBRO:
Sandra Kapsa ha superato i quarant’anni e conduce una vita tranquilla. Psicologa, divide le sue giornate tra il lavoro in studio e quello presso il Centro Antiviolenza Donna, dove riceve chi non si può permettere una analista privato. Lì conosce Betty, giovane, bella, fragile: e sola. Betty che un giorno scompare. Sandra teme sia successo qualcosa di brutto, ma alla polizia le dicono che non possono intervenire. Così Sandra decide di indagare per conto proprio, Betty le aveva parlato di un collega che le faceva stalking. Per fortuna Sandra trova supporto in Paolo Rosato, vicecommissario duro e affascinante, padre divorziato di un bambino di sette anni. Le indagini porteranno Sandra via da Roma, verso il promontorio dell’Argentario, che Sandra non rivede da vent’anni e dove ha vissuto un trauma che l’ha segnata per sempre. Ma non la aspetta solo il dolore passato. Nuove terribili rivelazioni stanno per irrompere, è la sua stessa vita adesso a essere in pericolo… Ippolita Avalli, scrittrice raffinata, per la prima volta si cimenta con il thriller. Il risultato è un romanzo da cui è impossibile staccarsi, capace di terrorizzare il lettore con un crescendo continuo di sorprese e colpi di scena da togliere il fiato.

L'AUTORE:
IPPOLITA AVALLI è nata a Milano e vive a Roma. Tra i suoi romanzi: Aspettando Ketty (Feltrinelli 1982), L’infedele (Rizzoli 1988), Dea dei baci (Baldini&Castoldi, finalista premio Strega 1997) e Amami (Baldini&Castoldi 199). Da Feltrinelli sono usciti Nascere non basta (premio città di Bari 2003), Mi manchi e la ristampa di Dea dei Baci, che costituiscono una trilogia. I suoi libri sono pubblicati nei maggiori Paesi europei. Come sceneggiatrice ha collaborato a La città delle donne di Federico Fellini.

1 commento:

  1. D'accordissima con la recensione! Bel libro :-)

    RispondiElimina