Il Giallista

Interviste, recensioni e news dal mondo del giallo... e non solo. A cura di Marco Tiano





martedì 14 settembre 2010

Morte in Harlet Street di Jhon Rhode - Polillo, Bassotti n.86


Morte in Harley Street, di Jhon Rhode, edito da Polillo editore, collana Bassotti n.87, è un giallo sensazionale.
Un rompicato impeccabile, che tiene incollati alle pagine. Come in altri circa settanta romanzi, ritroviamo come protagonista il professor Lancelot Priestley. Un ex docente di matematica applicata, il cui passatempo principale è risolvere crimini complicati e misteriosi. Un intellettuale aristocratico che preferisce soprattutto rimanere in casa, nel suo studio, a trovare le possibili soluzioni dei casi che lo intrigano maggiormente. Siamo di fronte ad uno dei detective "scientifici", tipico dell'età classica del giallo.
La vicenda di Morte in Harley Street ruota soprattutto attorno alla misteriosa morte di un famoso medico di Harley Street, il dottor Mawsley. La lettura procede come un qualsiasi romanzo giallo, fino a quando il professor Priestley non lancia una sfida al lettore. Infatti, dopo aver ascoltati i fatti della misteriosa morte del dottor Mawsley, il protagonista sorprende il lettore annunciando che in questo caso le usuali soluzioni di una normale morte non sono da prendere in considerazione. Non si tratta di un omicidio, non si tratta di un suicidio e non si tratta di un errore. Ma allora qual'è la soluzione di questo intricato caso?
E' questa la domanda al quale il lettore dovrà tentare di dare un risposta, per anticipare l'infallibile professor Priestley. Qual'è la quarta possibilita?
Un giallo magistralmente costruito e architettato nei minimi particolari, dove è possibile giungere alla soluzione soltanto attraverso la logica e l'occhio acuto del lettore.
Omicidio, suicidio, errore o...?!

Marco Tiano

Nessun commento:

Posta un commento